sabato 27 giugno 2020

happy end



Cara Giò,
ti spedisco tutto il pacchetto per una prima valutazione.
come vedi ho scelto di chiudere con un happy end, perché peggio di così come può andare?
a circa un mese dopo aver cominciato a scrivere questi racconti della pandemia al tempo del covid oltre i ristretti limiti temporali e spaziali in cui li abbiamo vissuti ricorrendo a qualsiasi pretesto di evasione tra paure e cambiamenti gattopardeschi destinati a evitare qualsiasi mutazione dello stato di fatto, un finale tragico è improponibile e per quanto orrido difficilmente riuscirebbe a esserlo più della realtà a cui stiamo assistendo e che spesso ci rovina i piani nel paniere e allora come finire altro che con ulteriori possibili e ottimistici sviluppi?

forse i genitori adottivi lo raggiungono insieme alla mamma di Martina che li ha sentiti per verificare la sua intuizione, ha fatto amicizia con loro, si è conquistata la loro fiducia e quella di Primo che ha dato loro appuntamento in un hotel a Varsavia così da evitare pericolose intercettazioni e nel contempo fornire maggior comfort, di quello della stamberga polacca, al trio di attempati vecchietti?
o forse è stata Martina a riavvicinarlo, forse per ricattarlo o forse per riscattarsi, e in qualche modo sono finiti a far vita comune anche grazie al successo e alle vendite delle mostre che il gallerista dell'invisibile Maciej Zapisać gli organizzava a patto di non rivelarne l'identità né mostrarne l'immagine?
e se invece finisse che entra in campo una diversa figura, rimasta nascosta nella trama, che fa in modo di fornirgli legalmente, o anche no, una nuova identità così da reinventarsi nuovamente dal nulla e rientrare nel mondo che aveva lasciato grazie all'opera di un sapiente chirurgo capace di cambiarne la maschera?

non so ancora, sarai tu ad aiutarmi a scegliere, intanto grazie per la paziente lettura e a presto.
cari saluti, 

                                                            Mattia Giusti


Genova, 9 giugno 2020



ps: i racconti della pandemia sono ovviamente totalmente inventati e senza alcun riferimento a fatti o persone realmente esistiti.


2 commenti: