domenica 27 marzo 2011

"Sono una donna, non sono una santa"

...avrei voluto rispondere via mail, ma ormai "il caso" è di dominio pubblico" e con tutto quello che ho da raccontare ne è venuto fuori un post!



Ricomincio daccapo.

Voglio precisare...non sono una donna sofferente.
Le sofferenze della vita sono altre.
Le sofferenze della vita non te le procura una pseudo amica nel momento in cui scopri, su facebook, che ti ha mentito.
Le sofferenze della vita, quelle vere, sono quelle fisiche che ti procura il male del secolo chiamato CANCRO e che ha colpito a più riprese, purtroppo, tre persone che amo come e più della mia vita: mio padre, mia cognata e l'unica inimitabile mia migliore amica. E non parlo poi di chi, sempre il cancro, gliel'ha già portata via la vita.
Posso dire che le sofferenze della vita, io, le provo in prima persona nel cuore, nell'anima e nello spirito e che quindi il "problemino" ( e ribadisco problemino) facebook mi sembra al confronto una gran cazzata. E scusate per la parolaccia!
Le sofferenze della vita sono quelle che si provano nello scoprire che c'è un pedofilo-amico-di-famiglia che ha abusato di tua nipote di 4 anni.
Le sofferenze della vita son quelle che si provano nel vedere che il proprio fratello viene discriminato o/e anche deriso da molti perché ha dichiarato di essere gay (che poi cosa vuol dire "dichiarare di essere gay? ...è...Punto).
Le sofferenze della vita sono quelle che stanno vivendo i Giapponesi oggi e che vivranno (se sopravviveranno!) negli anni a venire.
Le sofferenze della vita sono quelle che provano per fame i bambini del terzo mondo e le loro madri che li vedono non solo soffrire, ma anche morire.
Le sofferenze della vita sono quelle che stanno segnando la Storia di questi giorni nei vari Egitto, Tunisia, Libia, Siria e tra poco anche in italia.
Potrei fare un lungo elenco di sofferenze che in questi giorni opprimono il nostro mondo, ma ve lo risparmio, per cui dico solo...non sono una donna sofferente.
Ho scritto un post giorni fa che è stato messo subito in "camera delle torture" (idea geniale e simpatica!), con il quale riportavo una normale conversazione tra persone normali, fatta su facebook. Insomma...uno spaccato comune della realtà di quel portale e mentre leggevo quella "conversazione" mi è venuta in mente la parola Homo Sapiens Sapiens.
Volevo far ridere. Niente di più. Nessun sentimento di odio, o di rabbia, o di depressione galoppante volevo far trasparire dalle mie parole e lungi da me l'idea di scatenare un tal trambusto! Non era il momento giusto...forse...non adatto il luogo...di nuovo forse...ma ero in perfetta buona fede. Sbagliavo non sapendo di sbagliare!
Per il resto beh...
mi reputo una donna come tante, con i suoi momenti buoni e i suoi momenti NO , forse dovuti all'età, o al tempo o forse e soprattutto dovuti al gran Caos che regna sulla Terra in generale; piango ogni volta che vedo "La vita è bella" o "Philadelphia"; mi commuovo se sento cantare l'inno di Mameli dai bambini o se vedo i fuochi d'artificio illuminare il cielo a suon di musica classica; mi arrabbio con chi tratta male le donne, tutte, anche le più "zoccole" (a-ri-scusate per la parolaccia!); mi offendo se mi si dice "non hai capito" piuttosto che "non mi sono spiegata bene"; sono in eterna lotta con il mio fisico che pur essendo magra mi vedo sempre grassa; sbaglio come tutti gli umani e a volte persevero come fossi il diavolo, ma come gran parte dei comuni mortali (donne)...difficilmente ammetto di avere sbagliato! Sogno anche ad occhi aperti; amo l'italia tutta, da Nord a Sud; non credo nella chiesa, ma credo in un essere superiore a noi e che ci osserva dall'alto e ascolta le nostre lamentele; ascolto la musica a tutto volume quando sono sola e pulisco casa e mentre ascolto musica a tutto volume penso, penso e poi ancora penso...mamma mia quanto penso. Elaboro così tanti pensieri che ci potrei scrivere una Treccani!
Che altro dire? Sono tutto questo e altro ancora, ma in linea di massima sono una donna normale.
Insomma...mi presento:<< Piacere! Mi chiamo Paola>>.

Per la cronaca...da ieri mattina non sono più su facebook e....questo post si autodistruggerà 24 ore dopo la sua pubblicazione!

12 commenti:

  1. ciao Paola! putroppo non ho la fortuna di conoscerti, anche se ciò che traspare da ciò che hai scritto sopra mi fa vedere che abbiamo molte cose in comune. non mi sto sostituendo a Teti in questo momento, ti esprimo quello che è il mio pensiero. intanto mi dispiace per il putiferio dei giorni scorsi; non ho detto la mia prima semplicemente perchè avrei fatto delle ripetizioni inutili e perchè mi sarei intromessa fra persone che tra di loro si conoscono meglio di quanto non le conosca io. mi sembra che Teti abbia espresso chiaramente l'intento di questo blog e, se non ci è riuscita al primo giro, dovrebbe esserci riuscita in seguito. credo anche che non volesse "condannare" nessuno e la camera di tortura è stata concepita con un intento anche ludico se vuoi, non come una sorta di gogna. i fraintedimenti possono capitare sempre, anche fra persone altrimenti affiatate e che si vogliono bene, ma proprio perchè sono affiatate e si vogliono bene, esistono tutti i margini per chiarirli. personalmente non ho problemi ad ammettere di avere sbagliato o frainteso. quello che spero è che questo luogo, che voleva essere un ulteriore punto di incontro, non diventi invece un luogo di scontro e di risentimenti.

    RispondiElimina
  2. PAOLA
    anche io tifo per te!
    come vedi hai intorno alcune persone, tra quelle che hai seguito in silenzio, con cui comincia una interazione.
    con alcune da qualche tempo con altre solo da adesso, con altre nel prossimo futuro e, ancora più in la nel tempo, altre che ancora non conosciamo.
    il post è molto bello e immagino quanta fatica ti sia costato, non toglierlo, aspetta e vedi cosa succede.
    comunque deciderai conservalo perchè ti tornerà utile nel tempo per confrontare questo momento con quello in cui ti troverai rileggendolo.
    su FB non mi esprimo perchè non conosco quella piattaforma che ho ritenuto fin dal suo esordio in contrasto con le mie necessità ed esigenze.
    Buona serata:))

    RispondiElimina
  3. Avrei voluto aggiungere al post la canzone "The wall" dei Pink Floyd, album che ho sentito oggi a tutto volume, ma non sono proprio capace di farlo! L'idea dell'autodistruzione mi è venuta in mente pensando ad un film della serie "...mi chiamo Bond...James Bond".
    Non l'avrei mai cancellato!!! :))
    E' tardi! Devo finire di preparare la cena!!!

    RispondiElimina
  4. PAOLA
    metti qui nei commenti il link del video che hai scelto che questa volta lo metto io:)
    quando hai tempo ti dico come si fa, ma non farlo!!!! che ti ricordo che il primo post sei riuscita a cancellartelo da sola:(
    che prepari per cena?

    RispondiElimina
  5. TETI scusa, ma ieri era proprio tardi e ho dovuto chiudere! Il primo giorno con l'ora legale mi sfasa tutti gli orari! E' che sono stata fuori a concimare i miei ulivi e c'era tanta luce che mi sembrava presto! Comunque ho preparato zuppa di lenticchie e frittata con zucchine...niente di che!
    Il link della canzone è questo
    http://www.youtube.com/watch?v=M_bvT-DGcWw
    te ne sarei veramente grata!

    Teti, dico sul serio, non sono offesa per la questione della camera delle torture, non sono offesa per nulla e con nessuno credimi. La camera della tortura l'ho trovata subito simpatica e desideravo proprio andarci! :)))
    Per il momento...Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. CAROLINA Grazie e...per quanto mi riguarda, questo blog sarà per me solo luogo di confronti, di scambio di idee e anche di lettura che poi era ed è l'intento di Teti!
    Spero di "conoscervi" meglio tutte col tempo perché si sa, la conoscenza accorcia le distanze tra le persone, anche se queste hanno idee diverse dalle tue!
    Buona giornata. Paola

    RispondiElimina
  7. ciao Paola ..mi chiamo Italo..purtroppo nel virtuale quando si scrive...il rischio di essere fraintesi è molto maggiore della vita reale..

    io non sono una donna nè un santo ma sono d'accordo con quel che hai scritto.....il mio rammarico è di non aver fatto in tempo a leggere il tuo post che è finito in camera di tortura....perchè avrei voluto farmi un idea per emularti...^__^
    ciao un sorriso

    RispondiElimina
  8. ferikiko
    il post è stato reintegrato dopo 24 ore (come puoi leggere nei commenti del post riflessioni parallele
    (http://lessicamente.blogspot.com/2011/03/riflessioni-parallele.html)

    il post di Paola lo trovi qui http://lessicamente.blogspot.com/2011/03/homo-sapiens-sapiens.html

    RispondiElimina
  9. ferikiko
    Non credo valga la pena emulare una persona che ha postato la definizione di Homo sapiens sapiens copiandola da Wikipedia (che peraltro avevo anche specificato). Sarebbe più logico emulare il più bravo, il più intelligente, il più originale, il più colto, il più veloce...insomma...emulare il "più" per migliorare se stessi considerando però il senso buono della parola e io, come ho scritto qui sopra, sono una donna normale. Per il resto del post beh...a parte due o tre frasi mie, ho riportato soltanto una stupida "conversazione" a quattro che mi ha fatto riflettere sull'evoluzione della specie, ma era un pensiero mio.
    Come dici tu, quello che una persona scrive, viene spesso frainteso perché si dà per scontato che chi legge segua lo stesso corso dei tuoi ragionamenti e delle tue riflessioni, sia che siano esse serie...o descritte in chiave ironica.
    Un sorriso a te!

    RispondiElimina
  10. I think that is right bout that. Nice info and thanks. Need to get in google feed.

    generic nolvadex

    RispondiElimina