lunedì 18 luglio 2011

alla luna, sulla luna


- quando ti placherai, cuore mio?
- solo quando avrò avuto soddisfazione.
- e se non dovessi mai averne?
- non cesserò di battere finchè non l'avrò.

(e il senno? lo dovrò andare a cercare lassù?)

12 commenti:

  1. Cara Guchi,
    (tanto siam qui io e te, tu ed io, pochi ci leggono e comunque non è che abbia da dire un gran chè che possa chissà cosa e a chi fare effetto)
    ho due parole che frullano insieme: gelosia e umiltà.
    il loro nesso mi è arrivato come una folgore leggendo questo post.
    della prima ne sono avvelenata e la seconda non so cosa sia a meno di fare enormi sforzi di memoria che tanto non servono a farmene provare l'essenza.
    so che se lo fossi (umile) questo mi salverebbe dalla battaglia intestina tra le mie gelosie ammorbanti.
    verso il prossimo mi salvo, ho imparato a riderci sopra un po' a denti stretti, ma insomma diciamo che me la cavo, ma per il resto è un casino.
    a quanto ho capito questa cosa della gelosia è qualcosa che ho inventato da sola e che riguarda la perdita o sospensione dei momenti in cui magari non c'era niente, ma almeno l'impressione che avrebbe potuto esserci.
    cosa? - ti chiederai - niente, ti dico.
    so che dopo resto accecata per qualche giorno dai pessimi sentimenti e dall'odio feroce verso me stessa. e questa cosa è sempre peggio.
    se prima accadeva per fondati motivi adesso prende vita dal niente e non c'è verso.
    anzi ogni volta è peggio.
    come mettessi il cuore, le aspettative, i buoni sentimenti in un mortaio e li triturassi per non vedermeli più intorno ma non serve a niente perchè è come nei sogni dove pensi di fare una cosa e non ti riesce e continui a sognarla ma tanto non ti riesce.
    ecco se fossi un po' umile, potrei farmene una ragione, lasciar correre e invece sembra ci provo gusto a sfinirmi in una battaglia in cui alla fine tutti (inteso come me e le mie parti) escono con le ossa rotte.
    non so chi mi ha insegnato e quando questa mania di spaccare, uccidere sempre tutto, far terra bruciata anche quando son stata mesi ad annaffiarla.
    l'anelito positivo e costruttivo non riesco ad applicarlo a me stessa, se non ho da dirigerlo altrove fuori di me me lo ritorco contro sotto forma di coltelli.
    credo sia per questo che esco poco.
    i ritorni sono sempre più spesso e sempre di più incomprensibili atti di lenta dissoluzione di quello che di buono c'è stato come se fosse sempre necessario ripartire dalle catacombe per dar seguito a qualcosa.
    ___ mah!

    RispondiElimina
  2. gelosia... penso che la mancanza di autostima la ammazzi. mancanza di autostima che non è affatto sinonimo di umiltà, poichè l'umiltà è un nobile sentire, la mancanza di autostima è una maledizione e basta, perchè ti fa concludere che hai bell'essere geloso, l'altro/a si lascerà comunque portare verso un altrove che non potrà che essere migliore di te. così nel mio caso la ricerca è di qualcuno/a che non si lasci portare mai via, nè da elementi esterni nè da beghe interiori. sì, decisamente il mio senno è sulla luna, perchè assoluti di questo genere non esistono. forse basterebbero relativi, che però avvenissero con una frequenza tale da non farmi perdere la memoria della loro esistenza.

    RispondiElimina
  3. GUCHI
    mah!
    tornando al post, mi fa anche un po' invidia:)
    denota che comunque vi sia un cuore con cui si è capaci di intrattenere buoni rapporti, io con il mio parlo da anni solo per interposta persona:)
    poi da lì prende slancio e mi parla dandomi del tu nonostante il mio sguardo eloquente che gli dice: ma che vuoi? ma chi ti conosce?

    RispondiElimina
  4. addirittura! come ben sai, il mio problema non è il cuore, ma il giudice; il giorno che riuscirò a liberarmene, starà molto meglio anche il cuore... credo!

    RispondiElimina
  5. Una frittata
    Che par una luna
    Gialla di gelosia
    Amara di fiele
    La mente si torva
    di pensieri cavillosi:
    1 su 2
    è inventato di sana pianta
    5 su 7
    sono fertilizzanti azotati
    2 su 4
    è anticocciniglia
    da dare 1 volta a settimana per un mese

    la luna è un impasto di crateri bitorzoluti
    ma illuminata è splendida

    RispondiElimina
  6. Guchi questo post mi colpisce come una racchetta da tennis in faccia -.-
    Che dura vita...

    RispondiElimina
  7. CARTISEA

    bellissima la poesia!

    RispondiElimina
  8. V3NTO

    serve la borsa con il ghiaccio? fossi lì, forse sarebbe meglio un abbraccione...

    RispondiElimina
  9. io sarò eternamente insoddisfatta! è realtà che probabilmente non voglio e non riesco a cambiare /

    RispondiElimina
  10. PETROLIO-MUSO

    ahimè, ce l'ho anch'io la malattia dell'eterna insoddisfazione! e mi piacerebbe guarirne, ma non ci riesco.

    RispondiElimina
  11. Che vuoi che si plachi mai?
    Forse per tirar il fiato
    raggiungere i 15 battiti/minuto
    e darti il tempo di cavartela
    sta benedetta soddisfazione no?
    che ormai rientri tra quelli
    di una certa età e allora beh
    dacci dentro qualche volta
    che il senno lo perde chi
    le soddisfazioni non le prende

    RispondiElimina
  12. SIMURGH

    ora sto per contraddirmi: di solito affermo con convinzione che nella vita non esiste nè "mai" nè "per sempre", ed è vero che mi è capitato di fare cose che "mai" avrei fatto, e di smettere di farne altre che avrei fatto "per sempre". però: ci sono altre cose per le quali l'eventualità che si verifichino sono così remote che "mai" diventa una certezza. ecco, riguardo a questo mi sento di dire che non ce la farò "mai", e proprio perchè ho una certa età. certo, mi rimane sempre, come ultima risorsa, la settantina, quando la demenza senile potrebbe avere buon gioco.

    RispondiElimina